Loading...
L’informazione a portata di click
  • 29 Giugno 2022 15:20

Champions League, è il giorno della finale. I numeri di Liverpool-Real Madrid

DiRedazione

Mag 28, 2022

E’ il giorno della finale di Champions League, i 90 minuti più affascinanti ed importanti della stagione. Allo Stade de France di Parigi si affrontano Liverpool e Real Madrid, 4 anni dopo l’ultima volta. Nel 2018 a Kiev trionfò il Real Madrid per 3-1, alzando per l’ultima volta la Coppa dalle grandi orecchie. I blancos arrivano all’appuntamento finale della stagione da campioni di Spagna, delusi dal secondo posto in Premier gli uomini di Klopp, che hanno l’occasione giusta per rifarsi e vendicare la sconfitta in Ucraina.

Numeri e precedenti

Tanti i precedenti e le combinazioni fra due delle squadre più vincenti della storia della Champions. Il Real Madrid è a quota 13 Coppe vinte, a 6 il Liverpool, che questa sera tenterà l’aggancio al Milan vincitore del suo ultimo trofeo europeo proprio con Ancelotti in panchina. E’ lo scontro anche fra due allenatori iconici del calcio europeo attuale. Per Ancelotti ben 8 vittorie contro il Liverpool, 3 i pareggi e 5 le sconfitte (tra cui quella amarissima nel 2005 ad Istanbul). Per Klopp invece bilancio negativo contro gli spagnoli: 3 vittorie, 2 pari e 4 sconfitte. Scontri sempre affascinanti fra i due club: nel 2014 le 2 squadre erano nello stesso girone e in entrambi gli incontri furono sempre gli spagnoli a prevalere, con 3 gol di Benzema tra andata e ritorno. Nel 2009, agli ottavi, passò invece il Liverpool con un 1-0 all’andata e uno 0-0 al ritorno. Il primo precedente assoluto in Champions è datato 27 maggio 1981: 1-0 per gli inglesi, che nell’occasione conquistarono la loro terza Coppa dei Campioni. 

Il cammino delle due squadre

Il cammino sostenuto dagli inglesi nell’edizione attuale del torneo è indubbiamente di tutto rispetto. Nel girone con Atletico Madrid, Porto e Milan sono state conseguite solo vittorie. Anche la fase ad eliminazione diretta ha fruttato unicamente risultati positivi: l’unico pareggio è arrivato ai quarti di finale, nella gara di ritorno con il Benfica terminata 3-3. È stato solo temporaneo lo spavento all’Estadio de la Ceramica, quando il Villarreal si è portato sul 2-0 prima di essere travolto per 2-3 nella ripresa. Insomma, il ruolino di marcia fin qui è stato quasi perfetto. Non perfetto invece il cammino del Real Madrid (4 sconfitte totali), che sulla sua strada ha però incrociato quasi tutte le rivali più temibili.  I blancos ai gironi hanno conosciuto un tonfo curioso contro lo Sheriff Tiraspol, al Bernabeu. Gli spagnoli hanno chiuso comunque da primi in classifica, superando l’Inter nella doppia sfida, e dopo aver perso all’andata con il Paris Saint-Germain hanno superato gli ottavi rifilando un pregevole 3-1 ai francesi. Anche ai quarti c’è stato da sudare: dopo aver battuto il Chelsea in Inghilterra per 1-3, al ritorno sono stati necessari i supplementari per spuntarla. La prova definitiva che la formazione di Ancelotti è baciata dalla fortuna si è ottenuta in semifinale: il Manchester City aveva vinto all’andata per 4-3, stava conducendo per 1-0 e ha persino sfiorato il 2-0 poco prima della doppietta fulminea di Rodrygo tra il 90’ e il 91’. Ai supplementari ci ha pensato il solito Benzema ad archiviare il passaggio del turno.

Le probabili formazioni

Queste le probabili scelte dei due allenatori, previste due formazioni stellari per l’ultimo atto di una Champions League piena di colpi di scena:

Liverpool (4-3-3): Alisson; Alexander Arnold, Matip, van Dijk, Robertson; Henderson, Fabinho, Keita; Salah, Mané, Diaz. All. Klopp.

Real Madrid (4-3-3): Courtois; Carvajal, Alaba, Militao, Mendy; Modric, Casemiro, Kroos; Valverde, Benzema, Vinicius Jr. All. Ancelotti.